Quei momenti un po’ così… sottotono.

Stavo pensando di chiudere il blog.

Ci stavo pensando perché a volte vengo presa da questi raptus di eliminazione estrema. Distruggo e ricomincio.

Ma poi ci ho pensato bene. Da una parte mi dico: “Perché raccontare i fatti miei agli altri? In un mondo così vasto come internet, poi, dove tutti sembrano avere un’opinione su tutto e non ci pensano due volte a dirla, dove tutti sono dei “Sapientini” e vogliono farlo sapere al mondo. Anche quando magari diventano offensivi e pensano comunque di avere ragione”. Facebook, in questo caso, è un ricettacolo di certi soggetti…

Comunque, già, perché?

E poi mi sono ricordata quello che avevo scritto nel primo post: avevo voglia di aprire questo blog per documentare il mio viaggio verso un’identità nuova. Capitano quei momenti nella vita di rivoluzione totale delle proprie abitudini e di se stessi, e si vuole essere persone nuove. Non avevo e non ho la presunzione che il blog venga seguito. Per carità, se è di utilità per qualcun altro che sta passando la stessa cosa, ben venga. Ne sono più che felice, ma comunque non ho grandi ambizioni, al riguardo. Voglio solo poter scrivere liberamente, senza un tot di pagine che so prima o poi finiranno, senza preoccuparmi della penna che non scrive più. E, magari, avere anche qualche confronto, perché no?

Ecco, io devo ammettere che in questo momento penso di aver fallito in questo “viaggio”, nel senso che sento da una parte di essere cambiata, ma non quanto avrei voluto. Sento di non aver fatto molti passi avanti, di essermi arresa troppo presto in certi momenti.

Vorrei essere una di quelle donne che sanno godersi la vita, che sanno essere leggere e hanno il coraggio di osare. Hai voglia di fare un lungo viaggio? Bene, prepari la valigia e vai, senza pensieri, solo perché ne hai voglia.

Ho l’impressione di aver idealizzato la donna che vorrei essere, e qualsiasi confronto faccia con lei è sempre una sconfitta per me. Che strano, pensavo di essermi ormai lasciata alle spalle l’età dei confronti con gli ideali, e invece sono di nuovo qui. Forse a volte hanno ragione gli uomini: ci facciamo troppe paranoie, non stiamo mai bene con noi stesse. Ma cosa c’è che non va in questo benedetto gene XX? Possibile che una gambetta in più possa fare così tanti danni? No, non ci credo, non posso credere che sia solo una questione di genetica. Ma non voglio farmi paranoie anche su questo.

Al momento so che mi devo riprendere, che devo ricominciare a lottare anche se ho la sensazione di stare affogando. C’è questa scontentezza di fondo che non mi lascia e non capisco da dove e cosa derivi.

O meglio, forse sono troppe cose tutte insieme. La mancanza di un lavoro, l’impossibilità di fare progetti con il mio ragazzo proprio in funzione della mancanza di lavoro, il dover ancora vivere con i miei, ecc. E’ un carico emotivo importante, non mi dovrebbe stupire il fatto di sentirmi esausta e molto scoraggiata. Mi sembra che in quest’anno la mia situazione non sia cambiata affatto, e in tempo di bilanci questo è un brutto colpo. Avrei voluto fare di più.

Per certi versi è stato un anno bellissimo, per altri… poteva essere meglio.

Ok, la smetto di lamentarmi, lo giuro, ma questo è l’unico posto in cui posso davvero sfogare tutta questa frustrazione senza sembrare una pazza.

Se qualcuno ha qualche suggerimento, lo accolgo volentieri.

Nel frattempo, lascio qui una bella lista, che mi ha fatto pensare.

E’ una lista di domande creata nel ’97 da Arthur Aron, e trovata casualmente nei meandri del web. In realtà, è stata creata per instaurare intimità tra due persone, ma credo sia ottima anche per dare qualche informazione in più su di me.

1- Chi vorresti avere come ospite a cena, se potessi scegliere tra tutte le persone al mondo?

Sinceramente non lo so… Forse Hedy Lamarr, credo avrebbe tante cose da dire.
2. Ti piacerebbe essere famoso? Per che cosa?

Sì, ammetto che non mi dispiacerebbe essere conosciuta per aver fatto qualcosa di bello. Magari essere una cantante internazionale. Non alla Miley Cyrus, però, vorrei essere una cantante seria.
3. Ti capita mai di provare quello che devi dire PRIMA di fare una telefonata? Perché?

Sì, sempre. Credo che sia perché al telefono mi tendo ad agitarmi e quindi faccio strafalcioni. Parlare faccia a faccia è molto più facile.

4. Com’é un giorno “perfetto”, secondo te?

Un giorno passato tutto il tempo fuori, magari visitando un posto nuovo, insieme al mio amore e ai nostri amici, per poi metterci a cena tutti insieme, mangiando del buon cibo e bevendo vino. Sì, lo so, sembra una pubblicità, ho la fantasia di uno scarabeo stercorario (senza offesa per gli scarabei stercorari).
5. Quand’è l’ultima volta che hai cantato tra te e te? E davanti a qualcun altro?

Canto tra me e me ogni volta che sono da sola in casa, quindi più o meno tutti i giorni. Davanti a qualcun altro, è successo domenica, ascoltando la radio in macchina insieme al mio ragazzo.
6. Se tu avessi la possibilità di vivere fino a 90 anni mantenendo la mente o il corpo di un trentenne per gli ultimi 60 anni della tua vita, quale sceglieresti tra i due?

Non è una scelta facile, mi sembra che entrambe le opzioni abbia un costo decisamente alto. Preferirei vivere meno anni ma con corpo e mente sullo stesso binario.
7. Hai un presentimento segreto sul modo in cui morirai?

Credo morirò semplicemente di vecchiaia, nel mio letto. O perlomeno lo spero.
8. Elenca tre cose che tu e il tuo partner sembra abbiate in comune.

L’intelligenza, la voglia continua di novità, il senso dell’umorismo.
9. Per quali cose della tua vita ti senti più fortunato/grato?

Senza dubbio per i miei genitori, che fanno sempre un sacco di sacrifici per me. Per il fatto che, per quanto sia difficile, abbia la possibilità di realizzarmi. Per il mio amore, che sicuramente mi aiuta moltissimo.

10. Se tu potessi cambiare qualcosa del modo in cui sei stato cresciuto, quale sarebbe?

Avrei voluto semplicemente passare più tempo con i miei genitori. Mio padre per lavoro è tutto il giorno fuori, esce alle 5 del mattino e rientra non prima delle 8 di sera. Mia madre fisicamente è sempre stata più presente, ma non è mai stata molto presente per me quando ero piccola.
11. Prenditi quattro minuti e racconta la storia della tua vita il più possibile in dettaglio.

No, questa ve la risparmio.
12. Se potessi svegliarti domani avendo acquisito una qualità o un’abilità, quale sarebbe?

Probabilmente avere il Q.I. di Einstein.

13. Se potessi vedere in una sfera di cristallo la verità su te stesso, la tua vita, il futuro o qualsiasi altra cosa, che cosa vorresti sapere?

Se questa relazione durerà e si manterrà felice nel tempo. Il mio incubo è quello di realizzare un giorno che l’uomo che amo non mi ricambi più, che il sentimento si è spento.
14. C’è qualcosa che sogni di fare da tanto tempo? Perché non l’hai fatto?

Andare a Praga. Non l’ho fatto un po’ perché non me lo posso permettere al momento, un po’ perché vorrei andarci con il mio ragazzo, perciò bisogna prima aspettare che abbia le ferie, almeno.

15. Qual è il traguardo più importante che hai raggiunto nella tua vita, o il tuo più grande risultato?

Riuscire a prendere la patente in pochissimo tempo e senza essere stata bocciata né nella teoria né nella pratica. Lo so, sembra una cavolata, ma quello è stato un punto di svolta per acquisire maggiore autonomia.
16. Quali sono le cose che per te contano di più in un rapporto di amicizia?

La fiducia e la lealtà.
17. Qual è il tuo ricordo più caro?

Una lettera di mio padre nel quale descriveva la felicità che aveva provato la prima volta che mi aveva tenuta in braccio appena nata.
18. Qual è il tuo ricordo peggiore?

Quando a 17 anni passai davvero un brutto periodo.
19. Se tu sapessi che entro un anno improvvisamente morirai, cambieresti qualcosa del modo in cui stai vivendo? Perché?

Lo cambierei sicuramente, a quel punto mi renderei conto di non avere più a disposizione tutto il tempo del mondo, e che devo sfruttarlo al massimo. In realtà bisognerebbe farlo sempre, ma è più facile credere di avere sempre tutto il tempo che si vuole.
20. Che cosa significa l’amicizia per te?

Poter avere una persona sulla quale poter contare sempre, anche quando passano mesi dall’ultima volta che ci si è viste.
21. Che ruolo hanno nella tua vita l’amore e l’affetto?

Un ruolo importantissimo, vengono prima di tutto per me.
22. Elenca cinque caratteristiche positive del partner.

E’ rispettoso degli altri. E’ molto premuroso nei miei confronti. Ha una voce profonda che mi piace molto. E’ un gentiluomo. Emotivamente è molto più adulto di me e di quasi tutte le persone che conosco.
23. Hai un rapporto stretto con la tua famiglia? Pensi che la tua infanzia sia stata più felice della media?

Voglio bene ai miei genitori, ma non ho un rapporto molto stretto con loro, e no, ho sempre avuto l’impressione che i miei compagni di classe avessero un’infanzia più felice della mia.
24. Che rapporto hai con tua madre?

Ora buono. Non è sempre stato così, ma ora le cose sono molto migliorate.

25. Completa questa frase: “Vorrei avere qualcuno con cui poter condividere…”

La mia vita.
26. Spiega al tuo partner le cose di te che sarebbe importante che sapesse, se diventaste molto amici

Questo lui lo sa già, ma a volte tendo ad essere molto orgogliosa.

27. Racconta un episodio imbarazzante della tua vita.

Sicuramente quando alle elementari mi sono fatta la pipì addosso davanti a tutti.
28. Quando è stata l’ultima volta che hai pianto di fronte a un’altra persona? E da solo/a?

Martedì. Da sola stamattina, guardando un video di YT. Non sono una persona che piange facilmente, ma a volte tendo ad emozionarmi molto.
29. Qual è – se esiste – l’argomento su cui non si può scherzare, per te?

Probabilmente sulle malattie: detesto quando fanno battute su chi soffre di qualche malattia, celebre la frase: “Ma sei down?”, usate come un “Ma sei scemo?” che andava tanto di moda quando io ero ancora piccola.
30. Se tu stasera morissi senza poter più comunicare con nessuno, qual è la cosa che rimpiangeresti di non aver detto a qualcuno? Perché non gliel’hai ancora detta?

Un bel Ti voglio bene ai miei genitori. E non gliel’ho ancora detto perché, come ho detto più su, tendo ad essere orgogliosa.
31. La tua casa prende fuoco, con dentro tutto quello che possiedi. Dopo aver salvato le persone che ami e gli animali, hai il tempo per fare un’ultima corsa dentro e portare via un solo oggetto. Quale sarebbe? perché?

Probabilmente il mio diario cartaceo, dove sono conservati tanti ricordi.
32. Qual è il membro della tua famiglia la cui morte ti colpirebbe di più? Perché?

Mi colpirebbe molto la morte di mio padre, lui è la persona a cui somiglio di più e a cui sono più legata.

Spero di non avervi annoiati troppo. Ora vado, devo assolutamente staccarmi dal pc e fare mille cose che mi aspettano.

Respiro…

43

Ho imparato una nuova lezione: chi è emotivamente maturo sa che la vita è costellata di momenti belli e brutti, e sa apprezzare i primi e accettare i secondi. Dopo più di un anno di momenti brutti, alcuni davvero da incubo, finalmente sento di essere in un momento buono. Certo, non ottimo: avessi un lavoro fisso e non a chiamata sicuramente sarebbe meglio, anche perché potrei risolvere un po’ di situazioni lasciate in sospeso, ma anche su quello ci sto lavorando. Questo, però, non vuol dire che non debba godermi questo piccolo, grande momento di pace.

Non mi spiego come, fino a pochi mesi fa, io e il mio amore fossimo in crisi nera. Straordinariamente siamo riusciti a recuperare, ed è bastato semplicemente che ci ascoltassimo di più. In questo, devo ammetterlo, ho peccato molto: a posteriori mi rendo conto che ero troppo presa dalla mia paura che mi lasciasse per ascoltare davvero le sue esigenze, e ogni volta che mi chiedeva di andargli più incontro riguardo a certi aspetti, io mi facevo sopraffare dalla mia paura. Ho dovuto imparare ad ascoltare. Per tutta la mia vita mi sono sentita dire che sono una brava ascoltatrice, e quindi ero abbastanza sicura di saperlo fare, invece mi sono accorta che spesso con lui non era così. A volte è proprio negli aspetti in cui siamo vulnerabili, per esempio in una relazione, che arriviamo a dare il peggio di noi. A volte rimanevo emotivamente distaccata quando lui mi chiedeva un aiuto, come se non riuscissi a calarmi in un livello più profondo di comprensione. Rimanevo sulla superficie, parlando per frasi fatte e non sapendo bene che pesci prendere… Ho capito che questo era dato dal fatto che non ero ancora abbastanza brava a comprendere le mie stesse emozioni, quindi non potevo nemmeno farlo con quelle degli altri. E’ strano: a volte credo di essere molto “maschile” da questo punto di vista. Non per parlare per stereotipi, ma di solito sono infatti gli uomini che non si lasciano coinvolgere dal punto di vista empatico, mentre le donne sono di solito più attente.

E’ qualcosa di me che sto migliorando, a poco a poco. E’ un percorso lungo, ci son talmente tante cose che devo ancora imparare prima di essere davvero matura. A volte mi capita di pensare di aver fatto molti passi avanti, e che magari sono ormai vicina al traguardo, e invece poi capita qualcosa che mi dà una nuova prospettiva, facendomi accorgere di quanta strada ci sia ancora da fare. In realtà, credo che forse non si finisca mai, che la vita ci pone davanti a tante nuove sfide che dobbiamo imparare ad affrontare, e quindi anche a ottant’anni ti ritrovi a dover mettere in discussione alcune cose che davi per certe.

Per qualche strana ragione, però, la cosa mi rassicura: so che un giorno potrò considerarmi matura, ma mai “finita”.

Domenica mattina ho lavorato e, quando è arrivato il momento di tornare a casa, il responsabile si è informato gentilmente di come procedessero i miei studi. Quest’anno avrò finalmente la maturità, alla tarda età di 26 anni (ma meglio tardi che mai…). E lui, però, tra il serio e il faceto, ha detto “Beh, c’è gente che non diventa mai davvero matura neppure a 60 anni…”. Mi ha spiegato che se non ti prendi delle responsabilità e fai le cose solo perché ti piace farle, non per una ragione più profonda, senza metterci davvero la testa, allora non puoi mai considerarti adulto. In quel momento ho sentito un brivido lungo la schiena: somigliava molto a ciò che mi aveva detto il mio amore un po’ di tempo prima. Le persone mature pensano a ciò che fanno. E’ un’altra lezione importante.

Per fortuna, grazie a questo lavoretto, stando molto a contatto con le persone, posso avere a che fare con nuovi modi di pensare, nuove realtà. La mia timidezza mi ha impedito per anni di riuscire ad avere uno scambio sano con le persone che mi circondavano, e spesso ero più tentata a scappare e isolarmi. Ora ho mantenuto molta della mia riservatezza, anche se sono senza dubbio più estroversa, però non ho più paura delle persone, e questa sì che è una grande vittoria per me, soprattutto perché sono riuscita a superare questo ostacolo nel giro di poco tempo.

Adesso, l’obiettivo principale è trovare un lavoro che mi permetta di sistemarmi un po’, e nel frattempo studiare e costruire poco a poco il mio futuro.

L’amore ritrovato

626

Mi sembra che il nostro rapporto stia sbocciando. E’ come se fosse un fiore, che con l’arrivo dell’inverno sembrava stesse per morire, e ora invece si sia di nuovo schiuso al primo calore.

La settimana scorsa non abbiamo passato una sola serata separati, e infatti ora sentiamo la mancanza l’uno dell’altra anche se non ci vediamo da due giorni.

Ci stiamo concedendo tanti bei momenti insieme. Due settimane fa abbiamo fatto una piccola fuga al mare. Erano anni che non ci andavo e sentire il profumo dell’aria salmastra è stato come ritrovare un ricordo perduto. Quando dopo le montagne ho visto quella distesa d’acqua enorme all’orizzonte ero più felice ed eccitata di una bambina. Mi sarebbe piaciuto fare anche il bagno, ma non è stato possibile, non avevamo abbastanza tempo. E poi non eravamo da soli ma accompagnati da due nostri amici, quindi non potevamo fare cose da coppiette tipo buttarci in mare all’avventura e lasciarli lì. In un moto di ottimismo, comunque, ci eravamo portati entrambi il costume, senza esserci nemmeno messi d’accordo, per dire la sintonia…

E’ stata però una bellissima serata: siamo andati a cena in un ristorante situato proprio sul lungomare, e dai finestroni che vi si affacciavano e da cui arrivava la brezza potevamo vedere i grandi transatlantici che partivano, illuminati a festa, mentre il sole tramontava. Purtroppo la poesia è svanita nel momento in cui nel ristorante hanno aperto il karaoke, e così una masnada di ragazzi casinisti, seduti proprio nel tavolo accanto al nostro, hanno cominciato a cantare, ballare e fischiare, fugando tutta l’intimità della serata.

Siamo scappati via da quello stupro delle nostre orecchie e ci siamo presi ancora un po’ di tempo per farci una passeggiata, guardando le bancarelle piene di vestiti, cibo d’asporto e cianfrusaglie che erano rimaste aperte anche la sera, in modo da attirare i vari turisti. Alla vista del cibo ci sentivamo tutti un po’ male, tanto avevamo mangiato, ma la passeggiata ha aiutato un po’. Poi però siamo tornati verso casa, sereni e con un bel ricordo di quella giornata.

Nei giorni seguenti ho potuto dormire da lui. Ultimamente s’innervosisce un po’ quando dormiamo insieme, mi ha detto che si sente un po’ insofferente e si è sfogato un po’. Credo gli abbia fatto bene, e a me rassicura quando si apre. Mi preoccuperei molto se cominciasse a non confidarsi più perché vorrebbe dire che c’è davvero qualcosa che non va. Abbiamo finito per stare in piedi fino alle tre di notte, con lui che mi diceva tutti i suoi pensieri con la voce calda e profonda che ha. Non so esprimere l’effetto che ha la sua voce su di me, è stata la prima cosa di lui che ho conosciuto, perché prima d’incontrarlo l’avevo sentito solo al telefono, e già allora mi aveva colpita. Comunque, fare le ore piccole ha significato che il giorno dopo ha fatto tardi al lavoro, e di questo mi è dispiaciuto, però per fortuna non gli hanno detto nulla.

Nel corso della settimana, invece, siamo andati al concerto di Lindsey Stirling, una violinista davvero bravissima, che sta riscuotendo un successo straordinario, ma che è ancora poco conosciuta qui in Italia purtroppo.

Alcune delle sue canzoni mi hanno fatto venire i brividi lungo la schiena, tanto erano belle. Ed era stupendo sentire il mio amore così emozionato (me l’ha fatta conoscere lui), ed era incredibilmente premuroso e contento che piacesse anche a me.

Alla fine della serata abbiamo parlato un po’ in macchina e mi ha detto che vorrebbe che cercassi di affrontare un po’ di più le mie paure, di non farmi bloccare da loro. E mi ha dato un po’ di cose su cui riflettere. E’ strano: in qualche modo riesce sempre a dimostrarmi di capirmi e conoscermi meglio di quanto faccia io. In un colpo d’occhio riesce a capire tutti i miei stati d’animo e riesce anche a toccare i punti dolenti e a farmici pensare su.

I suoi stati d’animo li riesco a cogliere bene anch’io: quando è nervoso il suo sguardo cambia e lo sento proprio a pelle. E anche quando è triste lo sento, come se mi mandasse una vibrazione particolare che riesco a cogliere infallibilmente.

Però non sono brava quanto lui a capire cose più sottili. In ogni caso mi ha dato alcune cose su cui lavorar su, perciò la mia piccola lista personale di obiettivi si è un po’ allungata, ma va bene. L’importante per me, al momento, è crescere e diventare una persona migliore, e qualsiasi cosa c’è da fare per riuscirci la faccio.

Ora stiamo programmando un po’ di cose da fare: piccoli viaggi, esperienze. Stasera gli ho proposto di andare all’osservatorio astronomico l’11 agosto, dove si potrà osservare il cielo con il telescopio e ammirare le Perseidi che sfrecciano nel cielo. Io so già cosa desiderare, appena ne vedrò una…

Qualcosa è cambiato

Qualcosa è cambiato, sì, e in meglio. In questi giorni sono stata un po’ presa dagli esami del corso che ho frequentato, oggi era l’ultimo giorno e c’era la prova finale: il colloquio con la commissione.

E’ stato breve ed è andato molto bene, mi hanno fatto pochissime domande e sembravano soddisfatti, mi hanno fatto anche i complimenti. Giovedì ci saranno i risultati e si vedrà l’esito, ma io devo dire di essere piuttosto ottimista.

Intanto, io mi sto godendo le giornate e la mia nuova positività, coltivando il mio piccolo progetto di fare cose nuove. Ci sto riuscendo: ogni giorno mi pongo una nuova sfida. Sono cose piccole, a volte: un piatto mai cucinato, un luogo mai visitato… Ma già questo basta a cambiare la mentalità che si mette verso le novità. E’ importante rendere ogni giorno un po’ speciale, e poi questo piccolo “obbligo” che mi sono imposta mi sta facendo scoprire tante cose e mi sta aiutando ad essere costante nel raggiungere un obiettivo. Questa era una delle maggiori lacune che volevo riempire: sono sempre stata piuttosto arrendevole, tante volte nel corso della mia vita quando le cose si facevano difficili io scappavo, invece di insistere. E’ vero che a volte bisogna seguire il proprio istinto, il problema è che a volte l’istinto è permeato dalla paura, e quindi non ti permette di fare la scelta davvero migliore per te. A volte, la scelta migliore è proprio quella più difficile, quella che ti richiede più impegno, che ti richiede di restare e resistere. “Sono le cose più difficili quelle per cui vale la pena lottare”, mi ha detto il mio amore, più di una volta. Quando mi vedeva scoraggiata, quando gli confidavo le mie paure riguardo a noi, perché vedevo che tante volte sembrava quasi che non dovessimo stare insieme… Lì, in quei momenti, mi prendeva la mano e mi ripeteva questa frase, quasi a chiedermi di non arrendermi, di continuare a combattere per noi. Perché lui tiene a me e io tengo a lui, ed è questo che deve contare. Anche se costa fatica, anche se si litiga.

Ormai l’ho capito, ho cambiato completamente il mio approccio verso le difficoltà, e adesso non mi faccio più scoraggiare. Lo devo a me stessa, per tutte le volte che ho lasciato che le mie paure prendessero il sopravvento e mi facessero perdere occasioni importanti. A volte, bisogna essere i nostri critici peggiori. A volte, bisogna imporre a noi stessi una disciplina. Quando sai che una fatica immediata sarà ricompensata da giorni migliori lo fai. Quando sai che se ti imponi di non arrenderti e di andare avanti riuscirai a raggiungere la meta.

Ecco, io è questo che voglio. Voglio essere una combattente.

Nella vita bisogna sempre evolversi

Emma-Stone-pics

Ho capito una cosa di me: io sono come l’acqua. L’acqua è considerata un elemento che si adatta facilmente, che cambia forma a seconda dell’involucro. Ma… c’è un grosso ma: cambia la forma, ma non la sostanza. Se provi a metterla in una bella bottiglia, ma è piena di batteri, avrai cambiato un po’ il suo aspetto ma dovresti comunque evitare di berla. Se si cerca di smuoverla, di buttare un sasso dentro uno stagno, quel sasso produrrà solo un leggero “plumf” e qualche increspatura, ma poi tutto tornerà esattamente come prima. Per smuovere davvero un elemento del genere bisogna che ci sia uno scontro forte, che non cambi solo la superficie. Uno tsunami.

E’ quello che è successo domenica. Pensavo di stare cambiando molto, ma mi sono resa conto che l’unica cosa che stava davvero subendo qualche mutamento era l’esterno. E il mio amore non ha avuto remore a farmelo notare. C’è stata quindi un’altra grossa litigata e all’inizio mi sembrava quasi che parlassimo due lingue diverse, perché non ci capivamo. Eravamo tutti e due arroccati sulle nostre convinzioni, specialmente io, lo confesso. Ero convinta, davvero convinta, di stare facendo dei grossi passi avanti, ma quando lui mi ha spiegato come alcuni miei atteggiamenti lo facessero sentire, il fatto che prestassi poca attenzione ad alcune cose che per lui invece erano importanti, e che troppo spesso non mi comportassi in maniera matura, mi ha fatto capire che devo impegnarmi di più. Ho visto ridimensionarsi il cammino che avevo fatto. Mi sento come se avessi cominciato a salire una lunghissima scalinata ed ero convinta di averne già percorso un bel pezzo, invece ora è come se avessi riguardato in basso e mi fossi accorta che di strada ne ho fatta davvero poca.

Questo nuovo punto di vista mi ha gettata nello sconforto, e lui mi ha abbracciata e mi ha detto che in realtà è un’ottima cosa prenderne coscienza. Ci è già passato, per quello riesce a capire bene come mi sento in certi momenti. Ma comunque è sconfortante sapere di non essere ancora riuscita a raggiungere neppure la metà di questo cammino, e la cosa peggiore è stata l’essere diventata consapevole del fatto che mi ci vorrà ancora molto tempo per diventare la persona che vorrei essere e la compagna che vorrei avesse. Di questo mi ha detto di non preoccuparmi, di pensare solo a continuare ad andare avanti e che non ci sono limiti di tempo. Anche perché, comunque, più sforzi faccio più la strada si accorcia, quindi sta solo a me.

So che sembra molto “new age”, ma ultimamente sto consultando molti siti sulla crescita personale, sul migliorare se stessi. Sto cercando di mettere in pratica i consigli che ritengo più utili per me, per migliorare quegli aspetti che non mi soddisfano. So di avere molti lati positivi, come tutti, e sto imparando a valorizzarli, questa è una cosa importante per la propria autostima, ma è anche vero che ci sono molti lati negativi nell’altra faccia della medaglia. Non so se riuscirò a farli sparire del tutto, ma vorrei almeno riuscire a smussarli, in modo che non diano problemi a me e alla mia vita privata.

A proposito di questo, sono anche tornata a cercare nuovi stimoli, a voler provare cose nuove. Quindi riprenderò in mano il progetto con cui avevo aperto questo blog, impegnandomi a fare qualcosa di nuovo ogni giorno e cercando di sfruttare ogni giornata per crescere un po’ e mettermi alla prova. Incrociamo le dita.

Voltare pagina – parte 2

be88f28be3ffcec06d40e5ee61366966

Ci siamo fatti delle promesse.

Ci siamo promessi di venirci più incontro e apportare tutte le modifiche necessarie per far sì che il nostro rapporto migliori.

Ieri ripensavo ai quasi due anni passati insieme, a quanto siamo cambiati, a tutta la strada che abbiamo fatto. Siamo troppo legati per lasciarci, è questa la verità. Pur essendoci tanti problemi, non riusciamo a pensare di dividerci.

E questo ci sprona a fare dei cambiamenti. Dopotutto, l’amore è anche crescere insieme.

Ne parlavamo giusto ieri sera, mentre le due gattine cercavano di mordergli i piedi e si azzuffavano ai piedi del letto. Le abbiamo prese da nemmeno una settimana, e sono piccolissime, dei batuffoli di pelo vivaci e sempre con la voglia di giocare. Sono stupende e, lo confesso, mi fa molta tenerezza guardarlo mentre se ne prende cura. Lui è un tipo premuroso, e lo dimostra chiaramente in molte occasioni. Ieri sera ce ne stavamo sul letto a coccolarle e a coccolarci.

Ieri sera mi ha detto che comunque nota i cambiamenti che sto facendo, che vede che sto maturando. Non sono più quella di prima e mi sento più sicura di me, cosa che francamente sta avendo molti risvolti positivi. Era anche ora che crescessi, direi.

Il cambiamento più lampante è a livello fisico: mi vesto in maniera più ricercata e valorizzante, ed è una cosa che lui, chiaramente, apprezza molto. Però anche a livello emotivo sto facendo enormi passi avanti.

Un paio di sere fa mi sono messa a rileggere le prima conversazioni che ci eravamo scambiati. Risalivano all’agosto del 2013. Erano pieni di vezzeggiativi e cose zuccherose. Rileggendo i miei messaggi, mi sono accorta che ero più ragazzina. Al tempo, però, non era un problema: siamo cresciuti molto durante la nostra relazione, e lui è maturato molto più di me, ma all’epoca eravamo quasi allo stesso livello.

Ora stiamo cercando di sentirci di nuovo così, solo ad un livello superiore.

Nel frattempo, almeno la scuola serale è finita, quindi avremo più tempo da passare insieme finalmente. Questo è un miglioramento non da poco e potremo fare più vita di coppia. Quando stiamo insieme stiamo davvero bene, riusciamo a passare anche dodici ore di fila insieme senza un attimo di noia o di insofferenza. Vorrei solo che altri aspetti della mia vita non fossero così d’intralcio…

Però sono fiduciosa sul fatto che riusciremo a sistemare tutto. Non sarà facile, ma ce la faremo.

Intanto, però, oggi pomeriggio c’è stato un fatto nuovo: il padre della mia migliore amica dovrà sottoporsi a un intervento piuttosto serio al cuore, ma la situazione è talmente delicata che nemmeno il medico primario sa bene come fare. Se non lo opereranno, i reni smetteranno di funzionare, e di conseguenza le ripercussioni sarebbero molto serie. Ma operandolo  c’è un rischio molto alto che non superi l’intervento. E’ una situazione davvero pesante, e chiaramente lei è frustrata e arrabbiata. E anche molto stanca, perché è da tanto tempo che ne sta passando di ogni colore. Le ho detto che per ogni evenienza ci sono, ma ci vorrebbe davvero un miracolo… Speriamo in bene.

Voltare pagina – parte 1

normal_2225

Dopo poco più di una settimana, abbiamo deciso di sospendere la pausa. Esattamente il giorno dopo del mio precedente post, mi ha chiamata durante la pausa pranzo e mi ha chiesto di vederci. Quella chiamata non me l’aspettavo proprio: a sentire lui non ci saremmo visti almeno per due settimane, tanto che ho pensato mi avesse chiamata per sbaglio e non ho risposto. L’ho richiamato io dopo che mi ha confermato tramite messaggio che non era stato un errore, voleva proprio parlare.

Non so perché, ma mi aspettavo un tono freddo e distaccato, invece ho trovato che la sua voce fosse… “morbida”? Non so se sia la parola giusta, ma era chiaro che ci teneva davvero a vederci, e sembrava quasi dispiaciuto, così ci siamo messi d’accordo per l’indomani. Abbiamo parlato solo per un paio di minuti, ma quando ho riattaccato avevo la tachicardia e mi girava la testa. Non sapevo bene che pensare né dove ci avrebbe portati il giorno dopo, però ero contenta di averlo risentito e all’idea che l’avrei rivisto.

Come ho già scritto la volta scorsa, in quella settimana sono cambiate talmente tante cose che mi sembrava fosse passato già un tempo lunghissimo.

Il giorno dopo, per calmarmi, ho chiamato quella che è la mia migliore amica, praticamente una sorella separata alla nascita. Siamo molto diverse, ma mi capisce davvero come poche altre persone, e apprezzo sempre il fatto che sia ogni volta dalla mia parte, anche quando la colpa è anche mia. Fa piacere sapere di avere qualcuno che crede così tanto in te.

Le ho raccontato le novità, mi sono sfogata un po’ e ho condiviso un po’ di riflessioni che avevo fatto in quei giorni con lei. E’ stata ad ascoltarmi, e la rabbia che non avevo io per tutta quella situazione ce l’aveva lei. Non riuscivo ad essere arrabbiata: Lui rimane comunque una persona corretta, è sempre stato sincero su tutto, a volte anche crudo. Scorretto mai, questo no. E se eravamo arrivati a perdere la nostra complicità, ci eravamo arrivati comunque insieme, quindi non era possibile che la colpa potesse ricadere soltanto su di lui.

1050

Avrei voluto dirle che non era necessario che spalleggiasse per forza me, ma dopotutto io faccio lo stesso con lei… Comunque quella chiacchierata mi ha calmata molto e preparata alla battaglia.

Quando è arrivata finalmente l’ora X ero nervosa. Per tutto il tempo avevo pensato all’eventualità che fosse venuto lì per mettere la parola fine, per prepararmi psicologicamente, anche se non era facile mettere in conto quell’eventualità. Ma non volevo che la cosa mi prendesse alla sprovvista, se fosse successa, quindi ho seguito un assioma personale: “Pensare negativo non sempre è deleterio“. A volte aiuta appunto a “prevedere” qualcosa di brutto e a non farci prendere dal panico.

Mi è arrivato il suo messaggio: “Ci sono“. Il segnale che era nel parcheggio vicino casa mia. Era arrivato il momento, insomma. Avevo passato non so quanto tempo a prepararmi e a decidere come vestirmi. Non sapevo bene come gestire la situazione: avrebbe contato il fatto di vedermi messa un po’ più in tiro? Lo so, sembra il ragionamento di una quattordicenne, ma cercate di capirmi: non sapevo davvero cosa aspettarmi. E visto che, più volte, mi aveva detto che l’aspetto fisico per lui ha un peso, ho deciso di giocarmi il tutto per tutto e di puntare anche quella carta.

Sono scesa e l’ho raggiunto. Quando mi ha vista arrivare, è sceso dalla macchina ed è venuto a salutarmi. Bacio sulla guancia, come due sconosciuti. E disagio, molto disagio.

Io non sapevo nemmeno dove mettere le mani, e solo dopo un po’ ho deciso di optare per incrociare semplicemente le braccia e amen.

Siamo risaliti in macchina, così da poter parlare in santa pace. Mi ero preparata tutto un discorso, ma adesso non sapevo da dove cominciare e alla fine ha parlato lui: “Allora, hai pensato un po’ alla nostra storia? Hai maturato qualche considerazione?“. Ho fatto cenno di sì:

Ho capito che sono troppo dipendente a livello affettivo da te, e questo mi fa star male. Voglio che il nostro rapporto sia più equilibrato. Ho capito anche che ci sono alcune cose che devo cambiare di me, ma che non voglio essere la tua donna ideale. Ci sono delle mie caratteristiche che voglio rimangano tali. Io non ho il tipo di carattere che vorresti avessi, ma a me sta bene così, mi dispiace…“.

Tutto questo perché, tra le mie considerazioni, c’era anche la convinzione che lui volesse che cambiassi a livello caratteriale. E invece mi ha spiegato che non era così, non voleva avere accanto una donna che cambiava carattere per lui. Anzi, era proprio il contrario. Non voleva avere qualcuno di accomodante, che lo accontentasse in tutto, ma qualcuno che gli tenesse testa quando era necessario. L’unica cosa su cui aveva qualche pensiero era il fatto che avrebbe voluto vedermi più “donna” e meno ragazzina esteticamente, quindi con un look un po’ più curato. E che fossi solo un po’ più matura su alcune cose, che fossi più costante nei miei impegni.

Su questo ho mostrato alcune lacune, lo ammetto: spesso mi è capitato di scoraggiarmi nei miei studi e di aver mollato un po’ la presa, quando invece avrei dovuto cercare di andare comunque avanti. E’ uno di quei lati di me che sono da migliorare.

Io, di mio, gli ho detto che avrei voluto vederlo più affettuoso, perché spesso mi sono sentita trascurata o messa in secondo piano, e non è una bella sensazione.

A un certo punto non ho potuto fare a meno di mettermi a piangere. Mi ha chiesto come mai e gli ho risposto che mi mancava un po’ il primo periodo in cui stavamo insieme, quando c’era una sintonia incredibile tra di noi e tutto era più facile. Lui mi ha rassicurata, dicendomi che comunque lì eravamo due persone davvero molto diverse, che avevamo fatto molti cambiamenti e passi avanti e non aveva senso guardare al passato.

A un certo punto mi ha fatto una domanda importante: “Dici che riusciremo a farcela? Che ne pensi?“. Gli ho detto che, onestamente, pensavo di sì. Eravamo comunque di nuovo lì, a parlare a cuore aperto, a trovare un punto d’incontro, a provarci davvero. Ci stavamo comunque mettendo in gioco entrambi.

Abbiamo deciso di ripartire da zero, come se ci fossimo appena conosciuti. D’altronde è vero, siamo due persone estremamente diverse da quando ci siamo conosciuti, e quello è stato una sorta di primo appuntamento, dove abbiamo preso di nuovo un po’ le misure l’uno dell’altra.

Ci siamo accorti solo alla fine che erano passate ore e che erano ormai le dieci di sera. Eravamo lì dal pomeriggio e non ci eravamo resi conto del tempo che passava.

Quando è arrivato il momento di salutarci, gli ho chiesto: “E adesso come ci salutiamo?” Lui mi ha presa e mi ha baciata. Un bacio stupendo, come non ce ne davamo da molto tempo. Mi batteva il cuore all’impazzata.

Abbiamo voltato pagina. Non ci sono certezze o piani per il futuro, ma ci siamo comunque noi, insieme.