Fare o non fare.Non esiste provare.

Visto che si avvicina il Capodanno, come sempre c’è aria di rinnovamento. Viene voglia di cambiare tutto, di rivoluzionare il proprio stile di vita. Ma la verità è che, facendosi prendere dall’entusiasmo, si fanno tanti programmi ma non se ne conclude nessuno. E’ la lezione, molto importante, che ho imparato quest’anno.

Dopo il post deprimente che ho scritto l’altra volta, dove frignavo per non aver concluso nulla, ho deciso di rimboccarmi di nuovo le maniche. Ho fatto un esercizio molto semplice, ponendomi qualche domanda: dove sento di aver fallito quest’anno? Cosa avrei dovuto fare, secondo me? E, soprattutto, come posso fare per rendere migliore l’anno che sta per cominciare?

Quest’anno in corso, volevo provare cose nuove, cose che non avevo mai provato prima, ma non ho avuto la costanza per andare avanti, e così mi sono persa molte opportunità. A volte mi sono fatta prendere dalla paura, ho lasciato che mi paralizzasse, e quindi… tante occasioni perse.

Ho capito anche che, forse, il progetto che avevo in mente era troppo vasto, e avevo la presunzione di far sì che durasse un anno intero, il ché è troppo. Fatto in questo modo, con ingenuità, va solo ad essere uno spreco di energie. Il fallimento è dietro l’angolo, in questo modo.

Ho individuato le cose che sono importanti per me, che vorrei migliorare. Ho pensato quali sono le aree della vita in cui ognuno dovrebbe almeno sforzarsi di migliorare.

Primo: voglio essere più costante. Di questi tempi, dove tutto è molto veloce e dove si vuole tutto facile, la costanza è davvero dura da allenare. Ma, se la si ha, si riesce ad ottenere molti più risultati importanti. Agenda alla mano, mi darò tre piccoli obiettivi ogni giorno, soltanto tre. Così sarà più facile portarli a termine. Sicuramente, saranno tre obiettivi incentrati sulla mia salute, perché è qualcosa a cui mi devo abituare a pensare, altrimenti continuo a rimandare la corsa e a mangiare schifezze quando non dovrei.

Secondo: voglio riflettere meglio sulle parole che si sentono tutti i giorni. Felicità, libertà, amore… Sono tutte parole utilizzate in abbondanza, ma esprimono concetti, tra l’altro molto difficili da spiegare. Come fai a cercare il modo di essere felice se non comprendi bene che cosa sia per te la felicità? Cosa ti rende felice? Quando ti sei sentito così? Non puoi inseguire un’idea o uno stereotipo e pretendere di avere sempre la motivazione, perché per avere motivazione quel concetto, o quella cosa, devi sentirli tuoi, devi poterli capire.

Terzo: voglio migliorare il rapporto con mia madre. In passato non nascondo che ci siano state moltissime frizioni, a volte pesanti. E devo ammettere che ora mi spaventa molto il pensiero di darle di nuovo fiducia ed essere poi delusa. Ma la verità è che ora mia madre è molto cambiata, in meglio, e che mi sento ingrata a trattarla ancora come se fosse invece sempre la stessa. Mia madre, da qualche anno a questa parte, si è dimostrata davvero molto comprensiva, mi ha aiutata, ma troppe volte io continuo a dare il peggio di me con lei, e solo con lei. Quindi, voglio migliorare il nostro rapporto.

Quarto: lavoro. E’ un’area difficile, non si fa altro che sentire che in Italia non c’è lavoro, ecc. Ma mi sono resa conto che sbaglio anche io il metodo per trovarlo. Mandare CV a raffica non funziona, non ne ho cavato un ragno dal buco. Così, anche lì ho cercato una soluzione, semplicemente digitando su internet “Come cercare lavoro”. Sono stata molto sorpresa di trovare non solo delle risposte a questa domanda, che mi sembrava molto ingenua, ma anche di trovare degli ottimi consigli.

Quinto: vita sentimentale. Ormai siamo a due anni e qualche mese, e mi piacerebbe moltissimo riuscire a convivere con il mio amore. Ne parliamo spesso, ma non avendo un lavoro, per l’appunto, risulta difficile attuarlo. Non voglio andare a vivere con lui senza prima potergli garantire un minimo di stabilità economica anche da parte mia. Mi sentirei un’approfittatrice e, peggio ancora, ho paura che prima o poi mi abituerei a vivere con i suoi soldi, e che quindi poi magari io stessa mi adagi e smetta di cercare lavoro perché “tanto ci pensa lui ai conti”. Spero di non essere quel genere di persona, ma non ci tengo nemmeno a scoprirlo. Nel frattempo, cercherò comunque di dargli molto, e di crescere anche in questo campo. Infatti, spesso faccio l’errore di tenermi dentro le cose, e invece dovrei parlargliene, e a farlo in modo efficace, senza giri di parole. Insomma, in maniera chiara e diretta. La sera della Vigilia ci vedremo dopo cena e ci scambieremo i regali. Io ho preso un percorso di coppia in una Spa, trovato su Groupon. Tempo fa era andato alle terme con un amico e mi aveva detto che gli era dispiaciuto molto non poter andarci con me e condividere un’esperienza in più insieme, soprattutto perché io non so nuotare e invece lì c’erano delle piscine bellissime, dove potevi ascoltare musica sott’acqua. Quindi ho pensato bene di dimostrargli che ci tengo anche io a condividere con lui queste cose, e che sono disposta ad affrontare le mie paure, specie se questo ci permette di avvicinarci di più.

Sono curiosissima riguardo al mio regalo, non vedo l’ora di capire che cosa sia. Mi ha dato un indizio molto criptico, che mi ha fatto venire ancora più domande. “E’ qualcosa che ti piacerà molto, se avrai forza di volontà”. Chissà cosa sarà? E se magari mi facesse scoprire che ho meno forza di volontà di quanto credessi… A quel punto scoprirei di avere un ulteriore tassello su cui lavorare. Fino a un po’ di tempo fa avrei preso male il fatto di dover fare altro lavoro su me stessa, ora la sto trovando una cosa naturale. D’altronde, credo che in una vita intera non si sia mai perfetti, e che bisognerebbe imparare nuove lezioni anche nella vecchiaia, cercando di essere sempre un po’ migliori di quanto eravamo ieri.

Bene, questi sono i miei propositi, e me li segnerò per bene anche su carta, così potrò vederli ogni giorno.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...