Voltare pagina – parte 1

normal_2225

Dopo poco più di una settimana, abbiamo deciso di sospendere la pausa. Esattamente il giorno dopo del mio precedente post, mi ha chiamata durante la pausa pranzo e mi ha chiesto di vederci. Quella chiamata non me l’aspettavo proprio: a sentire lui non ci saremmo visti almeno per due settimane, tanto che ho pensato mi avesse chiamata per sbaglio e non ho risposto. L’ho richiamato io dopo che mi ha confermato tramite messaggio che non era stato un errore, voleva proprio parlare.

Non so perché, ma mi aspettavo un tono freddo e distaccato, invece ho trovato che la sua voce fosse… “morbida”? Non so se sia la parola giusta, ma era chiaro che ci teneva davvero a vederci, e sembrava quasi dispiaciuto, così ci siamo messi d’accordo per l’indomani. Abbiamo parlato solo per un paio di minuti, ma quando ho riattaccato avevo la tachicardia e mi girava la testa. Non sapevo bene che pensare né dove ci avrebbe portati il giorno dopo, però ero contenta di averlo risentito e all’idea che l’avrei rivisto.

Come ho già scritto la volta scorsa, in quella settimana sono cambiate talmente tante cose che mi sembrava fosse passato già un tempo lunghissimo.

Il giorno dopo, per calmarmi, ho chiamato quella che è la mia migliore amica, praticamente una sorella separata alla nascita. Siamo molto diverse, ma mi capisce davvero come poche altre persone, e apprezzo sempre il fatto che sia ogni volta dalla mia parte, anche quando la colpa è anche mia. Fa piacere sapere di avere qualcuno che crede così tanto in te.

Le ho raccontato le novità, mi sono sfogata un po’ e ho condiviso un po’ di riflessioni che avevo fatto in quei giorni con lei. E’ stata ad ascoltarmi, e la rabbia che non avevo io per tutta quella situazione ce l’aveva lei. Non riuscivo ad essere arrabbiata: Lui rimane comunque una persona corretta, è sempre stato sincero su tutto, a volte anche crudo. Scorretto mai, questo no. E se eravamo arrivati a perdere la nostra complicità, ci eravamo arrivati comunque insieme, quindi non era possibile che la colpa potesse ricadere soltanto su di lui.

1050

Avrei voluto dirle che non era necessario che spalleggiasse per forza me, ma dopotutto io faccio lo stesso con lei… Comunque quella chiacchierata mi ha calmata molto e preparata alla battaglia.

Quando è arrivata finalmente l’ora X ero nervosa. Per tutto il tempo avevo pensato all’eventualità che fosse venuto lì per mettere la parola fine, per prepararmi psicologicamente, anche se non era facile mettere in conto quell’eventualità. Ma non volevo che la cosa mi prendesse alla sprovvista, se fosse successa, quindi ho seguito un assioma personale: “Pensare negativo non sempre è deleterio“. A volte aiuta appunto a “prevedere” qualcosa di brutto e a non farci prendere dal panico.

Mi è arrivato il suo messaggio: “Ci sono“. Il segnale che era nel parcheggio vicino casa mia. Era arrivato il momento, insomma. Avevo passato non so quanto tempo a prepararmi e a decidere come vestirmi. Non sapevo bene come gestire la situazione: avrebbe contato il fatto di vedermi messa un po’ più in tiro? Lo so, sembra il ragionamento di una quattordicenne, ma cercate di capirmi: non sapevo davvero cosa aspettarmi. E visto che, più volte, mi aveva detto che l’aspetto fisico per lui ha un peso, ho deciso di giocarmi il tutto per tutto e di puntare anche quella carta.

Sono scesa e l’ho raggiunto. Quando mi ha vista arrivare, è sceso dalla macchina ed è venuto a salutarmi. Bacio sulla guancia, come due sconosciuti. E disagio, molto disagio.

Io non sapevo nemmeno dove mettere le mani, e solo dopo un po’ ho deciso di optare per incrociare semplicemente le braccia e amen.

Siamo risaliti in macchina, così da poter parlare in santa pace. Mi ero preparata tutto un discorso, ma adesso non sapevo da dove cominciare e alla fine ha parlato lui: “Allora, hai pensato un po’ alla nostra storia? Hai maturato qualche considerazione?“. Ho fatto cenno di sì:

Ho capito che sono troppo dipendente a livello affettivo da te, e questo mi fa star male. Voglio che il nostro rapporto sia più equilibrato. Ho capito anche che ci sono alcune cose che devo cambiare di me, ma che non voglio essere la tua donna ideale. Ci sono delle mie caratteristiche che voglio rimangano tali. Io non ho il tipo di carattere che vorresti avessi, ma a me sta bene così, mi dispiace…“.

Tutto questo perché, tra le mie considerazioni, c’era anche la convinzione che lui volesse che cambiassi a livello caratteriale. E invece mi ha spiegato che non era così, non voleva avere accanto una donna che cambiava carattere per lui. Anzi, era proprio il contrario. Non voleva avere qualcuno di accomodante, che lo accontentasse in tutto, ma qualcuno che gli tenesse testa quando era necessario. L’unica cosa su cui aveva qualche pensiero era il fatto che avrebbe voluto vedermi più “donna” e meno ragazzina esteticamente, quindi con un look un po’ più curato. E che fossi solo un po’ più matura su alcune cose, che fossi più costante nei miei impegni.

Su questo ho mostrato alcune lacune, lo ammetto: spesso mi è capitato di scoraggiarmi nei miei studi e di aver mollato un po’ la presa, quando invece avrei dovuto cercare di andare comunque avanti. E’ uno di quei lati di me che sono da migliorare.

Io, di mio, gli ho detto che avrei voluto vederlo più affettuoso, perché spesso mi sono sentita trascurata o messa in secondo piano, e non è una bella sensazione.

A un certo punto non ho potuto fare a meno di mettermi a piangere. Mi ha chiesto come mai e gli ho risposto che mi mancava un po’ il primo periodo in cui stavamo insieme, quando c’era una sintonia incredibile tra di noi e tutto era più facile. Lui mi ha rassicurata, dicendomi che comunque lì eravamo due persone davvero molto diverse, che avevamo fatto molti cambiamenti e passi avanti e non aveva senso guardare al passato.

A un certo punto mi ha fatto una domanda importante: “Dici che riusciremo a farcela? Che ne pensi?“. Gli ho detto che, onestamente, pensavo di sì. Eravamo comunque di nuovo lì, a parlare a cuore aperto, a trovare un punto d’incontro, a provarci davvero. Ci stavamo comunque mettendo in gioco entrambi.

Abbiamo deciso di ripartire da zero, come se ci fossimo appena conosciuti. D’altronde è vero, siamo due persone estremamente diverse da quando ci siamo conosciuti, e quello è stato una sorta di primo appuntamento, dove abbiamo preso di nuovo un po’ le misure l’uno dell’altra.

Ci siamo accorti solo alla fine che erano passate ore e che erano ormai le dieci di sera. Eravamo lì dal pomeriggio e non ci eravamo resi conto del tempo che passava.

Quando è arrivato il momento di salutarci, gli ho chiesto: “E adesso come ci salutiamo?” Lui mi ha presa e mi ha baciata. Un bacio stupendo, come non ce ne davamo da molto tempo. Mi batteva il cuore all’impazzata.

Abbiamo voltato pagina. Non ci sono certezze o piani per il futuro, ma ci siamo comunque noi, insieme.

Annunci

4 thoughts on “Voltare pagina – parte 1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...